Amadei, il campione dei fioristi fa sbocciare l’evento

Per vincere la "partita della vita" una squadra di calcio deve poter contare principalmente su due fattori: la classe delle proprie "stelle" e la capacità di mettere in campo una formazione capace di esaltare le loro doti. In altre parole di fare "gioco di squadra". Accade anche nel lavoro: la capacità professionale di un "campione" abbinata alla capacità dei compagni di fare gruppo, di lavorare tutti insieme per raggiungere lo stesso identico obiettivo, è garanzia di successo. Lo sanno perfettamente Emiliano Amadei, sua sorella Rita, Emanuele Ponti e Sabrina Ferri, che nella loro attività di fioristi hanno saputo spesso schierare in campo una squadra imbattibile. Capace di vincere ogni sfida. Come quella che ha portato Emiliano Amadei, 41 anni, di Azzano San Paolo (dove gestisce con la sorella il negozio di fiori che il padre  Romeo e la madre Anna hanno aperto nel 1958 in via Castello 6) a vincere il titolo di campione italiano dei fioristi.

Alla Fiera Flora la sua composizione ha sbaragliato la concorrenza

Uno straordinario successo conquistato  a Firenze, dove nell'ambito della fiera Flora i migliori professionisti d'Italia si sono sfidati a colpi di composizioni floreali. Ed Emiliano Amadei, la prima domenica di maggio 2015, alla fine ha sbaragliato la concorrenza. Con la sua "classe" da campione, con le "giocate"  realizzate insieme alla sorella Rita, a Emanuele Ponti, titolare della Fioreria Ponti a Grassobbio e  a Sabrina Ferri, insostituibile "guida" per i clienti del negozio di fiori Finardi a Castel Rozzone. Una squadra di  fioristi capaci di condividere fantastici progetti e di realizzare composizioni talmente belle, eleganti e raffinate, emozionanti, da rendere ogni matrimonio unico, ogni cerimonia nuziale indimenticabile.  Come indimenticabile è stata la finale nazionale di Firenze.

Il 7 e 8 aprile ha tentato l'assalto al titolo di campione europeo

Come indimenticabile per Emiliano Amadei è stato partecipare all'ultima grandissima "partita" : la finale europea, alla quale ha  rappresentato l'Italia  il 7 e 8 aprile 2016 ai Magazzini  del Cotone di Genova. Un evento che lo ha visto concludere al 5° posto nella gara dedicata all'addobbo floreale per le Fiat 500 storiche per il quale Emiliano Amadei si è allenato al meglio realizzando,  con la sorella Rita, con Emanuele Ponti e Sabrina Ferri ma anche con altri colleghi, anche stranieri, nuove composizioni. Perché solo continuando a creare, a sperimentare, ma anche a "imparare " dal altri celebri colleghi (come quelli che hanno invitato Emiliano Amadei a collaborare nel "vestire" con i fiori  una magnifica location a Sain Tropez  e addirittura un castello in un'altra località della Francia destinata a rimanere top secret) è possibile crescere professionalmente e  vincere sfide sempre più difficili.

I suoi addobbi rendono ogni matrimonio indimenticabile....

Abbinando fiori e materiali,  "classici" o innovativi, per cerimonie nuziali, la vera "specialità della casa" di Emiliano Amadei e della sua "squadra", ma anche per altri eventi, come battesimi o anniversari… Cerimonie per le quali Emiliano e la sorella Rita, soli o insieme con selezionatissimi partner pronti a scendere in campo al loro fianco per gli eventi più impegnativi, offrono un servizio completo, occupandosi non solo dei fiori ma anche di tutti gli strumenti e materiali per la decorazione, dalla panca per gli sposi con relativa copertura ai candelabri o alle lanterne; dalla moquette agli specchi… 

.... così come comunioni, cresime, anniversari, fiere

Seguendo un percorso che parte da un incontro per capire che carattere avrà l'evento, quali sono i colori più amati, e  prosegue, dopo aver fatto, gratuitamente, un preventivo,  con un sopralluogo, con la possibilità di realizzare anche dei rendering che mostrino la location pronta per la cerimonia. 

Sopralluogo, rendering: ogni particolare è curato nei dettagli

Permettendo agli sposi di poter avere un'idea  esatta di come sarà la location il giorno tanto atteso: impreziosita dai fiori di stagione (in primavera la rosa, la peonia, l'ortensia o le calle; in estate lilium  ma anche garofani bianchi, rose inglesi o gipsofila, più conosciuta col nome di velo della sposa; in autunno ortensie  nella varietà che fiorisce in quel periodo o dalie; in inverno tulipani o ranuncoli…) o magari da rose colorate di blu, o in altre tonalità, richieste da più d'una futura sposa e dalla madre di lei, sempre presente in queste occasioni.

Per far "sbocciare" un evento servono colori, abbinamenti....

Fiori (ma anche essenze come salvia timo rosmarino menta in grado di estasiare, oltre alla vista, anche l'olfatto) e oggetti in grado di soddisfare ogni richiesta, comprese le più insolite. Come quella di avere un intero abito tutto realizzato con fiori.

... ma anche profumi e sapori. O dei pesciolini rossi

O come quella di un'affascinante sposa che, sposandosi  il primo di aprile, ha chiesto di avere, a centrotavola, delle bocce di vetro con i pesciolini rossi.

1 Risposta

  1. Condividerò il post con i miei followers di Instagram

Lascia un commento