Mangili, la boutique dei migliori salumi e formaggi

Cosa accomuna Oscar Wilde, poeta, scrittore e drammaturgo, ad Angelo Mangili, titolare da oltre 40 anni di quella che forse è la più celebre enogastronomia di Bergamo e provincia? Entrambi, come scrisse l'autore del “Ritratto di Dorian Gray”, non riescono “a sopportare coloro che non prendono seriamente il cibo”. È Angelo Mangili, fisico asciutto e scattante tenuto in forma da intere giornate di allenamento ai fornelli del “laboratorio culinario” ricavato prima nello storico negozio di via Gombito 8 e, poi nella nuova sede spostata solo poche centinaia di metri più in là, in via Colleoni 7, verso piazza della Cittadella, il cibo l'ha sempre preso talmente sul serio da farne un'autentica arte.

Il salame di puro suino è prodotto in esclusiva per il negozio

Anzi, tante straordinarie opere d'arte cucinate e proposte ogni giorno a centinaia di clienti che hanno trovato una ragione in più per fare una passeggiata nel borgo storico di Città Alta: assaggiare le prelibatezze preparate dal “signor Angelo”, come tutto lo chiamano dentro le antiche mura, o acquistare alcuni dei prodotti, spesso introvabili altrove che Angelo Mangili seleziona da oltre 40 anni visitando le migliori aziende artigianali di tutta Italia. Prodotti come il cotechino vaniglia, o il salame di puro suino prodotto appositamente per il negozio, i tipici casoncelli alla bergamasca, freschi ogni giorno, i gustosissimi formaggi selezionati quali il taleggio, il Branzi, la toma bergamasca e il premiato strachitunt, che Angelo Mangili ha cominciato a selezionare, insieme ai migliori vini pregiati, da quando, nel 1971, ha deciso di rilevare la salumeria dove lavorava come dipendente.

Qui i turisti stranieri abbinano le bellezze alle bontà di Città Alta

Senza immaginare neanche lontanamente che, un giorno, tra i suoi clienti abituali ci sarebbero stati personaggi celebri, ma anche migliaia di inglesi , francesi e tedeschi, norvegesi, danesi, sbarcati a Bergamo per ammirare le bellezze di Città Alta e ripartiti con in valigia le bontà scoperte nel borgo storico. Bontà che da alcuni mesi l'affezionatissima clientela e i turisti di passaggio in Città Alta possono trovare nella nuova sede di via Colleoni 7, dove Angelo Mangili, la moglie Anna e la figlia Elena ogni giorno propongono il meglio che il palato possa sognare. Con la certezza che, come amava affermare Virginia Wolf “Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene”. O forse, come diceva Guy de Maupassant, che “Solo gli imbecilli non sono ghiotti...” Una frase che pochi non sarebbero disposti a sottoscrivere, soprattutto dopo aver assaggiato i prodotti e i piatti serviti da un signore che da mezzo secolo è al servizio dell'arte del mangiar bene...

Testo realizzato da Baskerville srl Comunicazione & Immagine per www.ilmadeinbergamo.it

Nessun commento ancora

Lascia un commento