Architetti & Designer

C’è chi, come Le Corbusier, un cognome divenuto sinonimo dell’arte di saper costruire, ha definito l’architettura “un gioco sapiente, rigoroso e magnifico dei volumi nella luce; chi, come Mies Van der Rohe, il padre del Seagram Building di New York, ha visto nell’architettura la “chiarezza costruttiva portata alla sua espressione esatta”, ma anche chi, come Giancarlo De Carlo, anch’egli architetto, ha affermato che l’architettura “è troppo importante per essere lasciata agli architetti”. Una cosa è certa: l’architettura è stata, è e sarà sempre un elemento determinante per la qualità della nostra vita. Perché come ha ricordato l’architetto bergamasco Attilio Pizzigoni, citando un altro illustrissimo architetto, Renzo Piano, in un suo scritto pubblicato sul volume Progetto Bergamo 2015, “un brutto libro si può non leggere, una brutta musica si può non ascoltare, ma il brutto condominio che abbiamo di fronte a casa lo vediamo per forza. E questa è una responsabilità grave nei confronti delle generazioni future”. Concetti condivisi dai numerosi architetti, a cominciare da Carlos De Carvalho, architetto portoghese trapiantato a Bergamo, che sottolinea un aspetto sempre più fondamentale per il futuro dell’architettura: la capacità di costruire il più naturalmente possibile, realizzando case e uffici, negozi e capannoni in grado di rispettare l’ambiente.

Progetto Lové, l’accento sull’amore per l’arredo

Porre l’accento su qualcosa significa volerlo mettere bene in evidenza, sottolinearne l’importanza, vuol dire far risaltare l'amore che si mette in quello che si è fatto o si vuol fare. Per esempio nel proprio lavoro. Porre l’accento, aprendo una nuova attività, proprio  sulla parola amore significa voler far risuonare ancora più forte quella volontà di...
Per saperne di più

casavuoisapere.it, c’è una soluzione per ogni cosa

Sono molte  le voci che contribuiscono a determinare il valore di una casa: le dimensioni e la disposizione dei vari ambienti; la bellezza architettonica  e lo stato di manutenzione dell'immobile; la sua posizione e il contesto in cui è inserito, il piano in cui si trova l'appartamento (ma anche l'ufficio) e la presenza dell'ascensore;  la disponibilità...
Per saperne di più

Vergalli, arredare richiede gusto e psicologia

Ci sono passioni (ma anche capacità in grado di trasformare una profonda passione in una grande professionalità) che si tramandano di padre in figlio. È successo a Paolo Vergalli, interior designer cresciuto circondato dai disegni del papà, insostituibile collaboratore di importanti aziende di produzione di cucine, mobili e complementi d'arredo. A 14 anni studiava e...
Per saperne di più

Piccamiglio, l’emozione che arreda ogni ambiente

"L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni e così noi vediamo magia e bellezza in loro". La frase appartiene a Kahlil Gibran,  poeta libanese tradotto in oltre 20 lingue, vera e propria leggenda per intere generazioni anche per il suo tentativo di  far incontrare, nelle sue opere, la civiltà occidentale e quella orientale. Una frase,...
Per saperne di più