Ristoranti e Pizzerie

Era il 1782 quando Antonio Beauvillier affisse nella sua Grande Taverne de Londres un cartello con scritto “venite e io vi ristorerò”. L’innovativo imprenditore era diventato il primo ristoratore e il suo locale, ufficialmente, l’antesignano dei ristoranti. Adesso sono pochi i centri abitati che non ospitano un locale in grado di soddisfare le esigenze del palato. La variabile principale nella scelta di un ristorante è sempre la qualità dei piatti e del servizio, ma c’è chi ha puntato in altre direzioni per attirare clienti. A Riga, in Lettonia, si può mangiare da Hospitalis, dove le cameriere sono vestite da infermiere e, fra barelle e flebo, possono, a richiesta, imboccare i clienti. A Bangkok, in Thailandia, il proprietario di Cabbages and Condoms (letteralmente cavoli e profilattici) fa indossare ai suoi camerieri dei copricapi a forma di profilattico. Ovviamente, si tratta di un fanatico del sesso sicuro. In Transilvania, sulla vera casa del Conte Vlad, è sorto il Club Count Dracula. Sconsigliato ordinare bistecche al sangue. In Italia, infine, a Vacone, c’è il ristorante Solo per due, luogo ideale per una indisturbata cena a lume di candela e rigorosamente da non prendere in considerazione per una serata con gli amici. A chi vuole organizzare sia una cena romantica sia una serata con gli amici (ma anche cene o pranzi di lavoro) Bergamo ha ormai molto da offrire. Bellissimi locali, ottimi chef, cantine d’autore…. Alcuni nomi da annotate in agenda? Lo scenografico e straordinario Baretto di San Vigilio, di Beppe Acquaroli; l’Osteria della Brughiera, di Stefano Arrigoni, angolo di Toscana alle porte di Bergamo; l’Osteria Bacco Matto, di via San Giovanni Bosco a Bergamo, patria delle carni e degli ottimi vini…

Brughiera, l’Osteria per chi ama la cucina toscana

La parola brughiera può evocare immagini diametralmente opposte. Per esempio può evocare una landa desolata, costellata solo di arbusti e cespugli, erbe e muschi, come quella di Dartmoor, nel Devon (mirabilmente raccontata da Arthur Conan Doyle, il padre di Sherlock Holmes) dove di notte si aggirava una creatura diabolica, pronta a sbranare gli eredi della...
Per saperne di più

Migliori menu, assaporateli in questi ristoranti

Una gita fuoriporta a Bergamo non offre solo arte, storia e cultura da ammirare ma anche piccoli capolavori da assaporare. Seduti un uno fra i ristoranti e le trattorie selezionati per loro da Ilmadeinbergamo. Ecco il ...menu. BACCO MATTO Bergamo, via San Giovanni Bosco, 40/b - 035 310330 Vi piace il sapore della carne? Avete...
Per saperne di più

Ristorante Monna Lisa, il cibo rende… Giocondi

Monna Lisa è il nome del quadro più celebre del mondo, la Gioconda di Leonardo da Vinci, autore anche dell'Ultima cena.  Monna Lisa è anche il nome scelto per un delizioso ristorante a Bergamo, all'angolo fra via Statuto e via Francesco Nullo alta, dove nessuna persona vorrebbe mai assaggiare l'ultima cena, e anzi, sarebbe assolutamente...
Per saperne di più

Baretto, alta cucina con contorno di vista dall’alto

Provate a mangiare lo stesso piatto in due posti differenti. Se siete persone dotate di sensibilità, non sarà la stessa cosa. L'ambiente, la musica, i profumi, la vista, inevitabilmente condizionano il piacere del gusto amplificando o smorzando le sensazioni. Ecco perché, chi si siede ai tavoli del Baretto di San Vigilio, parte avvantaggiato. Dalla terrazza,...
Per saperne di più

Luca West, legate il cavallo ed entrate a pranzo

Il western è un genere cinematografico per molti dal sapore antico, superato. Ma per Luca Limonta il vecchio west, dei corral, dei cavalli e della vita all'aria aperta aveva, ha e continuerà ad avere un fascino irresistibile. Al punto che, dopo una lunga e soddisfacente carriera nel mondo della progettazione della commercializzazione di giochi e...
Per saperne di più

trentacinqueuro.it, il conto al ristorante è fisso

Negli ultimi tempi, complice la crisi senza fine, diverse persone hanno dovuto spesso rinunciare alla tradizionale “cena fuori”. Una rinuncia che non priva solo del piacere della buona tavola, ma anche di quelle pause di pace e relax, con la famiglia o gli amici, indispensabili per "staccare la spina". Per ritrovare questi piaceri può però...
Per saperne di più

Bacco matto, vino e carne fanno impazzire

"I piaceri della carne" è il titolo di un romanzo di Haloche Laurence che narra di una divorante passione ambientata nella Parigi del 700. Per divorare tutto il piacere della carne basta invece raggiungere l'immediata periferia di Bergamo, in via San Giovanni Bosco, 40/b, dove Dario Mascher, con il padre Sandrone (110 chili di carne...),...
Per saperne di più