Sposidea, il matrimonio dei sogni inizia da qui…

La prima volta è stata nel 1994. L'anno dei Mondiali persi ai rigori negli Stati Uniti contro il Brasile, l'anno della nascita di Forza Italia, l'anno in cui cui il Sudafrica visse le prime elezioni multirazziali a suffragio universale, in cui Inghilterra e Francia inaugurarono il tunnel sotto la Manica e Frank Sinatra si esibì nel suo ultimo concerto. E anche l'anno della prima, storica, edizione di Sposidea, la fiera che ormai dallo scorso millennio affianca gli sposi nella difficile ed entusiasmante impresa di rendere perfetto il proprio matrimonio. Quando la parabola di ogni pensiero finisce ai piedi di un altare, d'altra parte, non ci si può accontentare di una cerimonia qualsiasi. E nemmeno di una cerimonia al di sopra della media. Bisogna avere il meglio. E il meglio si trova, ormai dal 1994, a Villa Castelbarco di Vaprio d'Adda, al confine fra Bergamo e Milano, location eccezionale per eventi eccezionali. È lì che professionisti del wedding espongono tutte le loro idee, regalando in anteprima ai novelli sposi sogni destinati a realizzarsi. Iniziata con 80 espositori, con 2mila metri quadrati di esposizione e 18mila visitatori complessivi, Sposidea è cresciuta negli anni diventando, in oltre due decenni, un appuntamento capace di catturare l'attenzione di chiunque abbia l'intenzione di convolare a giuste nozze.

Per l'edizione 2016 si attendono circa 50mila visitatori

Per l'edizione numero 23, in programma dal 29 settembre al 2 ottobre, gli organizzatori hanno portato a Villa Castelbarco 110 espositori ospitati nei 3mila metri quadrati di spazio coperto della villa e negli 800mila metri quadrati di area verde del parco. Impressionante il numero dei visitatori previsti. A Vaprio d'Adda si attendono circa 12mila persone ogni giorno, poco meno di 50mila persone nelle 4 giornate della manifestazione. Sposidea, d'altra parte, non è una semplice fiera. Nella sua ormai lunga vita, oltre ad aver soddisfatto una quantità incredibile di desideri, è stata il luogo di consacrazione per personaggi ed eventi. Basti pensare ad Angelo Garini ed Enzo Miccio i quali, ancora non conosciuti, progettarono la Corte d'Onore della manifestazione nel 2003. Enzo Miccio ha, inoltre, disegnato il teatro del primo matrimonio civile celebrato in occasione di una fiera del settore, nel 2011.

Nel 2012 a Sposidea è stato presentato un abito da sposa in platino

Gli sposi, Maria Rosa e Luca, non potranno che ringraziare Sposidea per tutta la loro vita matrimoniale. L'anno successivo, stiamo parlando del 2012, la rassegna di Villa Castelbarco ha ospitato l'abito più prezioso al mondo, realizzato da Mauro Adami. Il suo atelier ha, infatti, proposto agli ospiti di Sposidea un esclusivo e prezioso abito da sposa realizzato in platino. Per conservarlo serviva una cassaforte decisamente capiente, ma non faceva una piega. E cosa dire degli espositori emergenti che, sulle sponde dell'Adda, hanno trovato la loro consacrazione? Sg Lighting è un'azienda diventata, oramai, il punto di riferimento per quanto riguarda l'illuminazione, un partner in grado di accendere la passione di ogni matrimonio; Giuseppe Papini, giovane e rampante disegnatore di linee sartoriali, è diventato uno dei più importanti stilisti di abiti da sposa dopo la sua partecipazione a Sposidea, avvenuta nel 2003, una parabola che ha seguito quella di un altro importante stilista, Antonio Riva, lanciato proprio dall'evento di Villa Castelbarco nel lontano 1998. Ecco perché Sposidea è diventato un appuntamento da non perdere anche per gli addetti ai lavori, una vetrina importantissima per la crescita professionale.

Fra i nuovi espositori anche Dolores Tommasi Atelier

Lo sanno bene gli operatori che hanno aderito anche a questa edizione, nuove proposte e vecchie conferme tra le quali spiccano le partnership con la rivista White Sposa e il Calzificio Franzoni, che regalerà alle visitatrici la Calza Autoreggente Party 8. Sarà la prima volta, invece, per Chiara Giribuola, wedding planner di Dolores Tommasi Atelier, che a Sposidea presenterà tre linee di abiti, tutti realizzati con stoffe italiane. All'edizione 2016 ci sarà anche il ritorno di Monica Oliviero, di White Rose, e dell’Atelier di Barbara Montagnoli, che proporrà alle future spose un’esperienza nuova nel suo spazio espositivo.

I futuri sposi potranno partecipare a un sondaggio in grado di svelare che tipo di partner sono

Come ogni anno, anche l'edizione 2016 seguirà un filo conduttore: questa volta si parlerà di Amore e Libertà, rigorosamente con la lettera maiuscola, con un sondaggio realizzato in collaborazione con l'Ordine degli psicologi della Lombardia. "Che tipo di partner sei: narciso, equilibrista o guardiano dell’amore?" è il titolo dell'indagine alla quale hanno aderito innamorati pronti a rispondere a domande sul proprio rapporto di coppia, indagando la sfera della fiducia, del rispetto dei propri spazi e di quelli del partner e del rapporto all’interno della coppia. Un sondaggio aperto anche ai futuri sposi, che potranno scoprire che tipo di partner sono grazie alla possibilità di effettuare il sondaggio e poter ricevere la consulenza offerta dall’Ordine degli psicologi lombardo durante i quattro giorni della manifestazione. Futuri sposi, amici, parenti, consiglieri di ogni genere o semplici curiosi, quelli ai quali piangere ai matrimoni, avranno così la possibilità di soddisfare ogni loro desiderio e potranno farlo curando alla perfezione anche il piccolo dettaglio. A loro disposizione ci saranno stilisti, graphic designer, pasticceri, maestri floreali, wedding planner, esperti di catering, life coach, giornalisti, psicologi e tutto quello che serve per rendere perfetto il giorno delle nozze. L'unica cosa non fornita sono la sposa e lo sposo: quelli bisogna portarseli da casa.

3 Risposta

  1. Patty

    È possibile ricevere informazioni sulla opportunità di affittare castelli o ville in provincia di Bergamo per il ricevimento?

  2. Claudia Rota, Dsc Italia

    Patty buongiorno, a Sposidea può trovare una selezione di location sul territorio bergamasco che sono a disposizione delle future spose e sposi per informazioni e mostrare le proprie peculiarità. Se non riesce ad andare alla manifestazione le lascerei anche i contatti di chi è li e che sicuramente la possono aiutare nella scelta: Villa Gavazzi, Verdello; villagavazzi.it; Villa Canton, Trescore Balneario: villacanton.com; 
    La Cascina Fiorita, Grumello del Monte: lacascinafiorita.com; Convento dei Neveri, Barian: conventodeineveri.com; Il campo Rosso Agriturismo, Martinengo: agriturismocamporosso.it. In fiera ci sono anche catering che supportano gli sposi nella scelta della location (che a volte hanno in gestione esclusiva): a Sposidea può trovare, Pinzimonio catering, Bobadilla eventi, San Lucio Events.

  3. Laura

    Il mio sogno sarebbe un ricevimento al casello di Marne Filago o in quello di malaga. Mi sapreste dire come verificare eventuali disponibilità e costi? Grazie.

Lascia un commento