Gombit Hotel, lo stile moderno convive con l’antico

È il primo albergo di Bergamo, e il terzo in tutta la Lombardia, a essere stato accolto nell’esclusivo circuito internazionale Design Hotels. E per capire il perché della conquista dell'ambito marchio, assegnato solo al 10 per cento delle centinaia di hotel di tutto il mondo che ogni anno fanno richiesta di affiliazione, basta varcare la soglia del Gombit Hotel, in Città Alta, aggirarsi tra gli spazi comuni e e visitarne le stanze, ognuna diversa dall’altra, ricavate in un edificio la cui storia, testimoniata dalle antiche mura in pietra, risalenti fino al 1200. Antico e moderno mixati alla perfezione per creare un progetto di respiro internazionale nel quale alle nuove esigenze del viaggiatore fanno eco scelte precise di servizio e design dell’accoglienza, pensati e realizzati per reinterpretare gli spazi storici esaltandone la bellezza, offrendo all’ospite una rara esperienza tra storia e contemporaneità.

Gli interni cambiano ogni giorno, reinterpretati dagli artisti

Un hotel che è approdo insostituibile per i turisti più raffinati, ma allo stesso tempo anche un laboratorio sperimentale e una galleria, nel quale artisti internazionali e giovani artisti lombardi, come Steven Cavagna, lavorano insieme per mantenere vivi gli interni che cambiano, di giorno in giorno, di stanza in stanza. Un progetto che ha preso forma sotto la guida dell’interior designer Gio’ Pozzi e dell’imprenditrice Nadia Galeotti, che hanno seguito, passo dopo passo, la creazione delle 13 stanze distribuite sui quattro piani dell'edificio accostato alla splendida Torre del Gombito, nel cuore di Città Alta, tra il Duomo e Piazza Vecchia, presentando una collezione minimalista di toni e materiali: grigio nella scelta della pavimentazione a lastra grande e preziosa, corda per i lini pregiati e grigio-marrone per le pavimentazioni in legno, con toni leggeri per gli arredi di design, prodotti su misura. Colori che diventano più decisi, con il verde, l’arancio, il barbabietola, per valorizzare gli elementi originari ritrovati in ciascun ambiente.

Spazi contemporanei custoditi fra mura che hanno fatto la storia

Il risultato? Un’accoglienza unica, non solo per la possibilità di immergersi all’interno di uno spazio ricercato e contemporaneo custodito all’interno di mura che hanno fatto la storia, ma anche per un servizio unico, unito al comfort dell’alta tecnologia e creato su misura per l’ospite. Un servizio la cui eccellenza assoluta è garantita da uno staff di professionisti capitanato dal direttore generale Massimo Santilli, detentore di una decennale esperienza nel mercato dell’accoglienza di altissimo livello maturata in strutture aderenti a circuiti come The Leading Hotels of the World, Relais&Chateaux e Design Hotels.

Una scenografia perfetta. Anche per le riprese cinematografiche

Un perfetto padrone di una casa perfetta, ulteriormente impreziosita dalle mostre e esposizioni temporanee che vengono ospitate in un'affascinante scenografia. Talmente affascinante da diventare anche il set per riprese televisive o cinematografiche o per servizi fotografici di grande prestigio.

E per i meeting c'è la Tower Lounge...

Senza dimenticare la Tower Lounge, una meeting room di 30 posti perfetta per incontri conviviali o di lavoro all’insegna della massima riservatezza e dell’accoglienza di alto livello, addolcita dai sapori della centenaria tradizione culinaria locale. Tutti ingredienti di una ricetta perfetta che ha permesso al Gombit Hotel di diventare uno dei soli 18 alberghi in tutta Italia a poter vantare il marchio che contraddistingue gli alberghi che hanno fatto della peculiarità architettonica e dell’interior design le proprie caratteristiche distintive, magistralmente combinate con un servizio impeccabile all’insegna della funzionalità.

1 Risposta

  1. Gianfranco

    Bellissimo!!!!

Lascia un commento