Vanity Glam, la bellezza
e la salute di viso e corpo
a prezzo scontato
Clicca qui per scoprire come acquistare on line le creme, gli oli, i gel e i fanghi con uno sconto riservato esclusivamente ai lettori de Ilmadeinbergamo.it

Tuk Tuk, il nuovo modo per scoprire Bergamo

Nel linguaggio dei fumetti “toc toc” è il suono di chi sta bussando alla porta. Un suono molto simile a quello, “Tuk Tuk”, che Bergamo ha scelto come “risposta” da dare ai moltissimi visitatori (turisti, residenti in altre province che vogliono regalarsi una gita fuori porta, ma anche bergamaschi che vogliano riassaporare il fascino di Città Alta e dei colli, oltre che dei borghi della parte bassa del capoluogo) che bussano alle sue porte: un nuovo modo per muoversi attraverso le bellezze (ma anche le bontà) della città. Tuk Tuk è il nome del nuovo mezzo elettrico, una sorta di “Ape calessino” più grande e accogliente costruito in Olanda, acquistato, in quattro esemplari, da un gruppo di sette imprenditori che ha deciso di fare squadra, con il Consorzio Turistico di Bergamo  per portare “a spasso” per la città nel modo più divertente e coinvolgente i  turisti e chiunque voglia regalarsi un aperitivo, una cena, una giornata all'insegna dell'arte e della cultura o, perché no, dello shopping. Un nuovo modo per ammirare le bellezze della città, con lo sguardo che può spaziare libero in ogni direzione, con la possibilità di avere una guida che,illustri ogni segreto, compresi quelli più antichi, della città.

Tuk Ride Tour - Click and go, l'emozione sale dalla Città Bassa fino a San Vigilio 

Un'opportunità che i protagonisti dell'iniziativa hanno declinato in diverse modalità. A cominciare dalla proposta “Tuk Ride Tour - Click and go”, tour privato con partenze garantite fino a fine ottobre tutti i sabato e domenica dalle 10 alle 19,della durata di un'ora, al costo di 68 euro, prenotabile dal singolo visitatore fino a un gruppo di quattro persone, per scoprire Bergamo dalla Città Bassa al borgo medievale di Città Alta fino al Colle di San Vigilio, il punto più alto della città, per ammirare un panorama unico che emozionò anche lo scrittore Hermann Hesse. E’ il primo di tre Tour che, come tutte le altre esperienze in TukTuk, è prenotabile tramite il portale Visit Bergamo che, mettendo a disposizione un sistema di prenotazioni online nel settore “Booking esperienze”, consente, senza costi aggiuntivi, la commercializzazione del servizio turistico e permette, per la “versione” Click and go, di salire a bordo anche a chi ha deciso di provare la nuova esperienza solo pochi minuti prima della partenza.

Tuk - City Tour, per capire in maniera smart e pop, la “trasformazione” di Bergamo

Tuk - City-Tour, dalla durata di 90 minuti, è il nome scelto per la seconda proposta che prevede, al costo di 80 euro, sempre da 1 a 4 persone, un tour privato alla scoperta di scorci nascosti e angoli segreti di Bergamo oltre ai monumenti più significativi: Piazza Vecchia, le Mura Venete, il Duomo, Santa Maria Maggiore, il Teatro Donizetti... Senza trascurare un “salto” nel quartiere dello shopping e della movida. Un'esperienza perfetta per chi visita la città per la prima volta, nuova e affascinante e per chi l'ha già visitata, per rivederla da un altro “osservatorio”. Un’esclusiva mini guida cartacea con mappa aiuterà, con foto storiche da collezione, a capire la trasformazione di Bergamo, “arricchendo” le informazioni fornite dai “Tukers”,guidatori esperti formati a dare informazioni turistiche, anche in una lingua straniera, grazie a “ Bergamo smart Hospitality”, un corso progettato e organizzato dal Consorzio lo scorso giugno, con il contributo della Camera di Commercio di Bergamo.  Il Tuk City Tour è un'opportunità che sarà possibile cogliere tutti i giorni, con prenotazione dal sito di Visit Bergamo, fino a 24 ore prima delle partenze fissate alle 9, 11, 13, 15 e 17 di fronte all' Info Point di piazzale Marconi - Stazione ferroviaria. Su richiesta, è possibile far terminare l'esperienza in Colle Aperto in Città Alta.

Bergamo by Night, per abbinare alle bellezze anche le bontà

E per chi le bellezze artistiche e storiche (oltre che le bontà enogastronomiche, visto che gli organizzatori hanno pensato anche alla possibilità di “abbinare” ai tour delle saporitissime soste in alcuni ristoranti della città e in alcuni bar per un happy hour) ama assaporarle con il “contorno” del fascino notturno, ecco Bergamo by Night Tour in TukTuk, un tour privato, sempre da 1 a 4 persone al costo di 100 euro, pronto a partire dopo il tramonto, quando le luci illuminano i monumenti e il silenzio cala lungo i vicoli nascosti, attraversando il centro storico per vedere con uno sguardo diverso e incantato gli scorci più romantici e i luoghi più suggestivi come Piazza Vecchia, o le piccole piazze nascoste, per fermarsi lungo le Mura venete, patrimonio Unesco, e godere il panorama  della città bassa disegnata da migliaia di luci. O, ancora, per addentrarsi, sempre con la complicità del buio, nella Bergamo insolita, segreta e avvolta dal mistero come quella della Torre della Fame (dove anticamente venivano rinchiusi gli evasori fiscali, finché non avevano pagato fino all'ultimo centesimo) o quella del sarcofago, colorato di “giallo” di via Arena. Un'esperienza, anche in questo caso della durata di un'ora e mezza, resa ancora più unica dalla possibilità di ascoltare, strada facendo e durante le soste, gli affascinanti racconti delle guide turistiche professioniste pronte a salire a bordo a richiesta. Con partenza e rientro sempre di fronte all'Info Point di piazzale Marconi e con la possibilità di terminare in Colle Aperto in Città Alta. “Tre nuovi straordinari modi per migliaia di visitatori per “bussare alle porte” della nostra meravigliosa città ed entrarci in un modo nuovo, affascinante, divertente, a bordo di mezzi elettrici, “puliti” e in grado di muoversi ovunque, equipaggiati per ogni condizione meteorologica e sanificati al termine di ogni tour”, come spiega Mariangela De Grazia, presidente del Consorzio Turistico di Bergamo, che ha cominciato a “cullare il sogno di offrire ai visitatori questa nuova esperienza turistica dopo aver utilizzato qualche anno fa un paio di Ape Piaggio Calessino in occasione di un evento “istituzionale”, che si è svolto in Città Alta”. Un sogno nel cassetto che è potuto diventare realtà grazie al bando Michelangelo, messo a disposizione dal Comune di Bergamo in collaborazione con Fondazione Cesvi e Banca Intesa San Paolo, per rispondere ai bisogni e alle necessità delle micro-imprese nel rilanciare le loro attività, mantenendone la competitività nel settore di appartenenza.

E in arrivo ci sono altre novità: per le aziende, per chi si sposa...

“Un'opportunità che abbiamo voluto cogliere e che contiamo di arricchire di nuove importanti novità visto che all'orizzonte ci sono già diversi altri progetti”, conclude Mariangela Di Grazia. “Come le visite guidate per aziende che vogliano “premiare” in modo originale i propri collaboratori o clienti; i nuovi “pacchetti di visite culturali, all’Accademia Carrara e al teatro Donizetti o in altri palazzi o musei diventati straordinari biglietti da visita della città; o, ancora, i tour sulle vie del gusto del territorio riservate agli amanti della buona tavola, sulla scia della prima iniziativa avviata per mettere in moto anche la passione per la cucina con la proposta che vede partire i TukTuk alla scoperta di una lezione di cucina privata nel laboratorio della gastronomia storica di uno chef per imparare a preparare i migliori casoncelli bergamaschi. Oppure per offrire a chi si sposa la possibilità di iniziare (e far iniziare a testimoni, familiari e amici) in modo unico il viaggio verso la nuova vita di coppia”. Tante nuove “strade” per scoprire le bellezze di Bergamo in un modo nuovo. Con la certezza che forse sarà vero, come dice un antico proverbio, che in Paradiso non si va in carrozza, ma anche che nei “paradisi turistici” di Bergamo è meglio andarci in Tuk Tuk...

 

 

1 Risposta

  1. Un’iniziativa privata che segue lo schema di ciò che nelle città piú evolute si attua su larga scala. La scelta di mezzi ecologici é ammirevole e forse un primo passo per dare segnali di rinnovamento. I luoghi come San Vigilio spesso non sono raggiunti dai turisti perché non pubblicizzati a dovere. La maggior parte di loro conosce una funicolare. Bisognerebbe insistere per promuovere anche la piú alta nel frattempo speriamo che i Tuk Tuk portino tantissimi turisti lassú. vanti tutta.

Lascia un commento